Nuova regola del Beach Tennis

Oggi andiamo ad affrontare un argomento che sta scaldando parecchio gli animi di tutti noi beach tennisti, la nuova regola introdotta dalla FIT ( vai alla pagina della Federazione)che divide in due gruppi ben distinti tutti coloro che vorranno praticare il gioco del Beach Tennis: Agonisti e NON Agonisti. Riportiamo integralmente l’articolo apparso sul sito della FIT: “”Il consiglio Federale del 20 dicembre ha abolito il comma 1 dell’articolo 74 del Regolamento Tecnico Sportivo che prevedeva nel beach tennis la possibilità di far giocare insieme tesserati agonisti e non agonisti. Pertanto adesso l’’attività del beach tennis è qualificata come:

a) non agonista. Per attività non agonistica si intende un’attività sportiva non praticata sistematicamente o continuativamente, con un contenuto competitivo limitato ed un livello tecnico inferiore a quello agonistico, nella quale non è prevista, per regolamento,la presenza obbligatoria del giudice arbitro, ma quella di un direttore di gara che ne svolge le funzioni ed i compiti. 
b) come agonistica. Per attività agonistica devono essere intese tutte le competizioni non comprese nel precedente comma. Quindi i campionati italiani individuali ed a squadre, i tornei e le manifestazioni internazionali; i tornei regionali o nazionali a prescindere dalla presenza del montepremi. Alla luce di queste variazioni si desidera porre l’accento su alcuni punti: 
1) dal 1° gennaio i tornei possono essere agonistici o non agonistici. Questi ultimi NON attribuiscono punti ai fini delle classifiche. 
2) i giocatori possono scegliere di tesserarsi in un modo o nell’altro (il passaggio da NON AGONISTA AD AGONISTA è consentito nel corso dell’anno ed avviene con la consegna della tessera, il pagamento della differenza ed una sovrattassa di 5 euro) ma che l’attività non può essere promiscua, e solo da quel momento il giocatore concorre per le classifiche nazionali. 
3) nei tornei NON AGONISTI possono giocare solamente i tesserati NON AGONISTI 
4) i tesserati NON AGONISTI e quelli AGONISTI non possono mai giocare insieme 
5) se un circolo desidera organizzare sia un torneo non agonistico che uno agonistico, deve differenziarli con 2 programmi regolamenti e due tasse diverse (il non agonistico costa 25 euro) 
6) nei non agonisti il punteggio potrà essere solo quello appositamente previsto, ovvero: a) in una sola partita a sei giochi, con applicazione della regola del tie-break a sette punti, sul punteggio di sei giochi pari; b) in due partite a quattro giochi ed eventuale tie break decisivo a sette punti al posto della terza partita. 
7) nessun campionato (NAZIONALE O REGIONALE) può essere definito tale se vi partecipano i non agonisti. 
8) la scelta della tipologia di tesseramento può essere fatta a prescindere dalla eventuale classifica tuttavia i giocatori che faranno la tessera NON agonistica, non avranno una classifica presente sulla propria tessera. Tuttavia la classifica posseduta al termine del 2013 verrà “memorizzata” e nel caso ci sia un passaggio alla tessera agonistica la classifica tornerà ad essere presente sulla nuova tessera. Si ricorda che il giocatore viene retrocesso di un gradino di classifica per ogni anno nel quale vi sia una assenza di risultati oppure in mancanza del rinnovo del tesseramento, 
9) ai fini della determinazione delle classifiche è stato stabilito che verranno presi in considerazione i migliori 20 risultati per gli uomini e i migliori 15 risultati delle donne. Inoltre sono state modificate le seguenti tabelle che determinano i coefficienti V e D (vedere allegati) 
10) si desidera precisare che anche la categoria 4NC è a tutti gli affetti una categoria che viene attribuita ai tesserati agonisti 
11) per i giocatori non agonisti verranno redatte a cura dei Fiduciari con la collaborazione dei comitati regionali, delle graduatorie a carattere regionale””.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

mega888 apk